Vincenzo ucciso per gelosia. L’assassino ha gettato il corpo in mare

AVERSA / PARETE – Gli inquirenti hanno raccolto un solido corpo accusatorio nei confronti del 35enne, di San Giorgio a Cremano ma residente in Giugliano in Campania.

Alla base dell’omicidio ci sarebbe la gelosia, infatti, sempre come ricostruito dalle indagini svolte dai carabinieri, Vincenzo Ruggiero sarebbe stato ucciso per stretto rapporto di amicizia con una persona sentimentalmente legata all’indagato.

Dopo l’omicidio il corpo della vittima sarebbe stato gettato in mare, infatti nelle ricerche è attivamente impegnato il corpo della Capitaneria di Porto, i cui uomini si stanno concentrando in una determinata zona, presumibilmente indicata dal 35enne arrestato.

Ci sono ancora molti punti oscuri da chiarire in questa vicenda, ma al momento le indagini risultano ancora strettamente riservate.