VILLA LITERNO. Uccise il ladro in casa. Rischia il processo per omicidio colposo

VILLA LITERNO – I fatti risalgono allo scorso 21 marzo, quando il meccanico di Villa Literno, Carlo Diana, sparò e uccise il ladro albanese che si era introdotto in casa sua.

Come riportato dal Mattino, ora il capo di imputazione è di omicidio colposo in quanto avrebbe fornito una versione dei fatti diversa da quella riscontrata dalla perizia balistica. Carlo Diana era stato svegliato dalla figlia, la quale lo avvisò della presenza di un uomo nel cortile di casa. Il meccanico, come raccontato agli inquirenti, prese la pistola e sparò 7 colpi dal balcone di casa per difendere la sua famiglia.

A smentire la versione dell’uomo ci sarebbe anche il filmato registrato da un sistema di video sorveglianza di una casa vicina, dal quale si evincerebbe una dinamica diversa da quella riferite ai carabinieri.

La cittadinanza di Villa Literno si schiera completamente dalla parte di Carlo Diana. Un territorio preso continuamente di mira dai dai ladri d’appartamento.