Uccise la prima moglie e tentò di uccidere la seconda. Condannato a 14 anni di carcere

NAPOLI – Una storia agghiacciante quella riguardante Giuseppe Antonucci, il quale il 12 gennaio scorso in preda un raptus di folle gelosia tentò di uccidere la sua seconda moglie ed il compagno.

Armato di pistola li raggiunse e sparò quattro colpi prima che la pistola si bloccò, ferendo entrambi ma fortunatamente non in maniera grave. Gli agenti di polizia lo arrestarono a casa di una nipote a Napoli.

Giuseppe Antonucci ha precedenti per ricettazione, violenza privata e per l’omicidio colposo della prima moglie Loredana Esposito assassinata a Napoli nel rione Luzzatti il 25 gennaio del 1991.

Oggi è stato condannato a 14 anni di reclusione per duplice tentato omicidio , il Gup Isabella Iaselli non ha riconosciuto la seminfermità mentale, anzi ha applicato tutte le aggravanti del caso.