Tumore non diagnosticato. L’Asl di Caserta condannata a risarcire

La cassazione condanna l'Asl di Caserta

CASERTA – Oltre 47 mila euro questa la somma del risarcimento che l’Asl di Caserta dovrà versare ai familiari di un ragazzo, Antonio N..

Alla base della tragedia un tumore non diagnosticato, giustificato dell’Asl in quanto al momento della radiografia non era possibile sospettare l’esistenza della patologia.

Ma per i giudici della Cassazione, però, la motivazione dell’azienda sanitaria non è ammissibile e, per questo motivo l’Asl è stata condannata a pagare 7800 euro per ciascuna delle parti interessate, 5 familiari.

Con questa sentenza si chiude definitivamente la parte legale della vicenda.