Truffe assicurative. 66 indagati. Smascherata agenzia che effettuava falsi certificati

SALERNO – Ben 66 indagati nell’inchiesta sulle truffe assicurative nel Vallo Di Diano in provincia di Salerno.

Smantellato un giro d’affari di 300mila euro su tutto il territorio nazionale. Gli indagati sono coinvolti, a vario titolo, in una grossa organizzazione dedita alla truffa assicurativa pluriaggravata sia a danni del Servizio sanitario nazionale che di una nota società assicurativa con sede a Milano.

I carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, coordinati dal capitano Davide Acquaviva, hanno notificato 66 avvisi di conclusione delle indagini preliminari nelle province di Salerno, Napoli e Firenze.

I reati sono stati commessi nel triennio 2013, 2014 e 2015, periodo in cui decine di automobilisti residenti nel Vallo di Diano si sono visti recapitare lettere assicurative per incidenti stradali, contravvenzioni ed altri atti relativi ad autovetture a loro sconosciute e non in loro uso o possesso.

Dalle indagini è stato appurato che un un’agenzia assicurativa con sede ad Atena Lucana (Salerno) si effettuavano falsi passaggi di proprietà di veicoli o finti contratti di permuta di autovetture intestandoli a persone ignare.

Successivamente venivano emesse polizze, al fine di incassare provvigioni sui premi assicurativi, a favore di clienti compiacenti residenti, soprattutto, nelle province di Napoli, dell’Agro Nocerino-Sarnese e della Piana del Sele.