Pistola trovata nei boschi: indagano i carabinieri, FOTO

I militari l’hanno sottoposta a sequestro probatorio, a carico di autori ignoti, per il reato di omessa custodia

Capua – Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Caserta, allertati da un solerte cittadino, hanno rinvenuto, all’interno di un versante boscato del Monte Tifata, denominato “Bosco San Vito”, nel comune di Capua (CE), in una zona scoscesa ed impervia, una pistola in metallo di colore nero.

L’arma abbandonata e smarrita sul suolo, risultata essere ad aria compressa tipo softair, riproducente un modello di arma realmente in commercio, pistola Clock 19 gen 5 calibro 9×21, priva di qualsivoglia segno di riconoscimento (tappino rosso in punta alla canna o altro), tanto da poter essere facilmente confusa per una vera e propria arma da fuoco.

La pistola è risultata funzionante e carica con capsule sferiche in plastica dura di colore bianco. In particolare all’interno del caricatore lo stesso conteneva n. 13 colpi mentre un altro analogo pallino era già presente in canna.

Non potendo escludere che i pallini della pistola ad aria compressa o gas compressi, rinvenuta nel bosco, potessero erogare un’energia cinetica superiore a quella ammessa (1 joule all’uscita dalla canna) e, quindi, la stessa sarebbe equiparata giuridicamente ad un’arma comune da sparo, con attitudine a recare offesa alla persona, i predetti militari l’hanno sottoposta a sequestro probatorio, a carico di autori ignoti, per il reato di omessa custodia.