Trentola. Arsenale in casa, forse “armi della camorra”

Il tutto è partito dalla denuncia di un extracomunitario il quale ha dichiarato ai carabinieri di San Marcellino di essere stato minacciato dall'uomo

Trentola Ducenta – I militari dell’arma dei carabinieri di Aversa indagano sul ritrovamento di un vero e proprio arsenale custodito da un 39enne incensurato di Trentola Ducenta.

Trovati e sequestrati un fucile modificato a canne mozze marca BENELLI risultato rubato e 4 pistole clandestine (prive di matricola o mai censite): una semiautomatica J.P. SAUER & SOHN.SUHL cal. 7.65; una semiautomatica BROWNING cal.7,65; una semiautomatica BERETTA CAL.6,35; un revolver priva di marca e matricola, oltre a numerose cartucce di vario calibro.

L’uomo, che non ha saputo giustificare il possesso delle armi, è finito agli arresti domiciliari in attesa dell’interrogatorio di convalida da parte del GIP a cui dovrà invece rispondere delle accuse di detenzione di armi clandestine e ricettazione.

Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi, nemmeno quella che l’uomo custodisse le armi per conto di altri.

L’interno arsenale sarà analizzato dai Carabinieri dei Ris, per scoprire se siano state utilizzate in atti criminali.

Il tutto è partito dalla denuncia di un extracomunitario il quale ha dichiarato ai carabinieri di San Marcellino di essere stato minacciato dall’uomo, tratto poi in arresto, con una pistola. Quando i militari hanno fatto irruzione presso l’abitazione di quest’ultimo eseguendo una accurata perquisizione alla ricerca di armi all’esito della quale rinvenivano l’armamento illegalmente detenuto