Immagine di repertorio

Casapesenna – Migliaia di trasporti irregolari e conferimento di rifiuti speciali non pericolosi, costituiti da terre e rocce di scavo e rifiuti da demolizione. Lo hanno riscontrato i carabinieri Forestali di varie Stazioni dell’Anconetano (Jesi, San Marcello, Senigallia, Genga Frasassi e Conero).

I militari hanno notificato oltre 4.300 processi verbali relativi a illeciti amministrativi per un importo complessivo pari ad euro 14.632.858.

L’inchiesta dei carabinieri della forestale su un traffico illecito di oltre 640 mila tonnellate di rifiuti e che nello scorso mese di Marzo aveva portato all’esecuzione di 5 misure cautelari a carico di altrettanti di imprenditori del settore.

Riscontrati illeciti amministrativi per un importo complessivo pari ad euro 14,6 milioni nei confronti di 188 societa’, tra cui una di Casapesenna, con sede legale in 17 provincie italiane di Marche, Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Campania, Umbria e Lazio.

Gli illeciti riscontrati dagli uomini dell’Arma riguardano migliaia di trasporti irregolari e il relativo conferimento di Rifiuti speciali non pericolosi (terre e rocce di scavo e rifiuti da demolizione, ndr.) presso due impianti di recupero di una societa’ con sede a Castelbellino (Ancona), trasporti avvenuti senza formulario di trasporto o con formulario incompleto e/o inesatto.