Ancora una scossa in Campania. Magnitudo 2.3, registrata poco fa. Gli esperti: “non preoccupatevi”

Non si registrano danni o persone rimaste ferite

NAPOLI – Un terremoto di magnitudo Md 2.3 è avvenuto nella zona a 5 km Sud Est di Massa di Somma alle 20:09 ad una profondità di 2 km.

Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Operativa INGV-OV di Napoli. I residenti hanno distintamente avvertito il sisma ed in alcune zone alcuni cittadini sono scesi in strada.

Negli ultimi giorni sono diversi gli eventi sismici registrati dai sistemi, ma fortunatamente sono tutti bassa intensità.

A tal proposito scrivono:

“A seguito di infondate, errate ed allarmanti notizie apparse su diversi canali social circa la recente attività sismica del Vesuvio si precisa che i terremoti che si stanno verificando al Vesuvio in questi giorni rientrano nella normale attività sismica del vulcano nel suo attuale stato dinamico che si configura in un Livello di Allerta: Base. Brevi periodi di maggiore sismicità sono avvenuti altre volte negli ultimi anni e pertanto non costituiscono una situazione anomala. Dai dati di tutte le reti di monitoraggio non si evidenza alcun cambiamento dello stato di attività del Vesuvio, come si può verificare dalla lettura dei Bollettini Mensili”.

E’ Francesca Bianco, direttrice dell’Osservatorio Vesuviano che spiega il fenomeno sismico che sta allarmando da due giorni la popolazione di Napoli e provincia. Intanto oggi ci sono state altre scosse. L’ultimo in ordine di tempo abbastanza rilevante si è registrato alle ore 13.39.42 sec. circa UTC (+ un’ora per quella locale). INGV OV cataloga l’evento principale con md pari ad 1.6. L’evento è preceduto e seguito da eventi minori e da un ambiguo evento lungo. Tra sabato notte e domenica lo sciame è proseguito con oltre 20 eventi localizzati da sommare ai 50 da giovedì al fine settimana. E nonostante le rassicurazioni della direttrice Bianco sui social cresce la preoccupazione della popolazione.