Tenta la rapina in un bar dell’alto casertano. Ma il titolare lo gonfia di botte

ALVIGNANO – Durante la notte appena trascorsa il titolare di un bar nel comune di Alvignano, l’Happy Bar, intorno alle 2,40, ha subito un tentativo di rapina da parte di un uomo di circa 50 anni.

Ma fortunatamente il rapinatore è tornato a casa a mani vuote, in quanto il titolare del bar ha reagito gonfiandolo di botte fino a tramortirlo.

Intanto ha allertato i carabinieri, ma il rapinatore è riuscito a darsi alla fuga. Ecco il racconto del titolare pubblicato in rete:

“Rimango solo al bar e, prima di pulire, mi accendo l’ultima sigaretta.
Si ferma un’auto dalla quale scende un uomo sulla cinquantina che mi chiede un pacchetto di sigarette.
Io rispondo di non averle perché non è un tabacchino ma un bar, ma che se avesse voluto gliene avrei data io una per farlo fumare. Accetta. Gliela do e mi chiede di farlo accendere, mentre avvicino le mani al suo viso per accendergli la sigaretta, mi afferra per il braccio e mi blocca dicendomi: “questa è una rapina, dammi tutto quello che hai o ti sparo”.
Mentre con la forza mi trascinava nel bar, osservo lui alle mie spalle per vedere se realmente avesse una pistola.
Non la vedo.
Quindi di scatto tiro il braccio che lui, nel frattempo, mi aveva bloccato e portato dietro la schiena e lo gonfio di botte.
Mentre è accasciato al suolo prendo il cellulare per chiamare i carabinieri ma si alza e scappa.
In questo preciso momento i carabinieri lo stanno inseguendo.
E niente, non si può stare mai tranquilli.”

Immagine di repertorio