Omicidio Cucchi. Condannato a 12 anni carabiniere dell’Agro Aversano

Due carabinieri condannati per omicidio preterintenzionale

Aversa – Due condanne per l’omicidio di Stefano Cucchi. Si tratta dei due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, quest’ultimo dell’Agro Aversano.

Sono stati condannati a 12 anni dalla Corte d’Assise d’Appello di Roma per omicidio preterintenzionale.

Stefano Cucchi, il geometra 31enne arrestato la sera del 15 ottobre 2009 e morto sette giorni dopo all’ospedale Pertini.

L’imputato-teste Francesco Tedesco è stato condannato a due anni e sei mesi per falso ed è stato assolto dall’accusa di omicidio preterintenzionale.

Anche il maresciallo Roberto Mandolini, all’epoca del pestaggio comandante interinale della Stazione dei carabinieri Roma Appia, dovrà scontare per falso una pena di 3 anni e otto mesi.

Mandolini è stato invece assolto dall’accusa di calunnia dopo che il reato è stato riqualificato in falsa testimonianza. Assoluzione dall’accusa di calunnia anche per il carabiniere Vincenzo Nicolardi.