La strage di Vairano. La moglie voleva la separazione. 3 morti e 2 feriti gravi

I genitori delle vittime sono ricoverati in ospedale in condizioni critiche

VAIRANO PATENORA – Un vero e proprio raptus omicida quello avvenuto nel pomeriggio di ieri presso la cartoleria Laurenza in via Roma nel comune di Vairano Patenora.

Il bilancio è di 3 morti e due feriti gravi. Da una prima ricostruzione della tragedia, fatta dai carabinieri del comando di Capua, guidati dal capitano Francesco Mandia, l’uomo ha ucciso a colpi di pistola la moglie e la cognata, ferendo anche i suoceri (tuttora ricoverati in gravi condizioni), per poi togliersi la vita.

Marcello De Prata, finanziere di 52 anni, ha aperto il fuoco contro la moglie, la 45enne Antonella Laurenza e poi contro la cognata Rosanna.

I suoceri sarebbero intervenuti per difendere le figlie finendo travolti dai colpi di pistola, circa 10 proiettili sparati in rapida successione.

Alla fine ha rivolto l’arma contro se stesso togliendosi la vita. La furia sarebbe stata scatenata dalla volontà di Antonella Laurenza, di chiedere la separazione.

L’intera comunità di Vairano è sotto choc per questa tragedia. Il sindaco, Bartolomeo Cantelmo, che ha parlato di “giornata triste” e di “sgomento per la notizia”, annunciando il lutto cittadino per il giorno dei funerali.