Smantellata organizzazione criminale mondiale. 13 arresti, anche un napoletano

Ha accumulato un patrimonio da 530 milioni di dollari

NAPOLI – Una organizzazione criminale internazionale, dedita al traffico di carte di credito e codici bancari che aveva accumulato oltre 530 milioni di dollari.

Si chiama “Infraud” la maxi operazione condotta dalla polizia italiana e dalla Homeland Security Investigation (Usa) in 16 Paesi. Arrestate 13 persone, tra le quali un italiano della provincia di Napoli.

Destinatario di un mandato di cattura internazionale, l’uomo è residente in Campania ed è stato arrestato ieri dagli uomini della Sezione financial cybercrime del Servizio di polizia postale e del compartimento regionale in collaborazione con l´HSI.

Gli inquirenti ritengono che sia stato un componente tra i più attivi del gruppo, e che ne sia entrato a far parte nel 2010 con il nickname “Dannylogort”. Invece il presunto capo è un cittadino ucraino, già arrestato la scorsa settimana in Thailandia.

I criminali acquisivano codici bancari attraverso tecniche di hacking. L’organizzazione gestiva la compravendita di migliaia di carte di credito rubate e clonate, di codici di verifica (CVV) per carte on line, di codici di accesso a servizi di home-banking e più in generale di dati personali e riservati appartenenti a migliaia di vittime in tutto il mondo.