Servizi di scansione 3D, aumenta la richiesta a Milano

Rispetto alla scansione a contatto, i due sistemi di scansione ottica hanno il vantaggio di non dover toccare l'oggetto in questione

Immagine di repertorio

La stampa in tre dimensioni negli ultimi anni si è affermata come una realtà nota a tutti i consumatori. Anche se la sua nascita viene fatta risalire al 1986, solo di recente si è creato un vero e proprio mercato di questo settore. Fino a non molto tempo fa, infatti, era impensabile poter fare una scansione 3D di un oggetto, ottenendone una sorta di perfetta copia digitale da utilizzare su computer tramite appositi software.

La crescita del mercato

L’aumento della domanda di scanner 3D è stata rilevata anche dai più importanti rapporti di mercato. Per il periodo tra il 2019 e il 2022 è prevista una crescita di quasi il 9% di questo particolare settore. Naturalmente si tratta di macchinari sofisticati e costosi, non alla portata di tutti i consumatori finali. Ecco perché è cresciuta anche la richiesta dei servizi di scansione 3D forniti da aziende specializzate, munite della migliore attrezzatura e di un personale esperto e preparato.

Lo scansione 3D rende digitale un qualsiasi oggetto. Fondamentalmente esistono due tipologie di scansione. La prima è quella a contatto, che viene effettuata tramite dispositivi dotati di una sonda che tocca l’oggetto in questione, acquisendone le informazioni necessarie. La seconda tipologia è la scansione ottica, che avviene senza contatto con l’oggetto.

A Milano sono molte le aziende che necessitano di questa tipologia di servizio per la propria attività e, pertanto la richiesta è in continuo aumento.  A questo proposito si può scoprire di più su questo sistema di scansione 3d a Milano su corsa3d.it, una ditta specializzata che mette a disposizione del cliente macchinari all’avanguardia, realizzati con tecnologie innovative che sono in grado di garantire prestazioni di alto livello. Un team di professionisti è sempre a disposizione per sviluppare un progetto personalizzato che risponda completamente alle necessità del cliente.

Come funziona la scansione 3D

La scansione ottica può essere effettuata utilizzando due diversi dispositivi:

  • Scanner 3D a luce strutturata, funzionano proiettando sull’oggetto da digitalizzare un punto di luce. Il modello tridimensionale viene definito in base a come la luce si deforma sulla superficie dell’oggetto.
  • Scanner 3D a luce laser, funzionano tramite una luce laser che si sposta lungo la superficie dell’oggetto, acquisendo le informazioni sulle sue forme.

Rispetto alla scansione a contatto, i due sistemi di scansione ottica hanno il vantaggio di non dover toccare l’oggetto in questione; questo è un aspetto importantissimo se si ha a che fare con cose fragili o con una superficie non dura. Inoltre portano più velocemente a termine l’operazione: per le scansioni più semplici si può utilizzare la modalità rotativa, mentre per quelle più elaborate si deve ricorrere alla modalità planare. I macchinari per la scansione 3D ottica sono utilizzabili in diversi ambiti.

Le imprese presenti a Milano che ricorrono ai servizi di scansione 3D appartengono a diversi settori: oltre a quelle che lavorano nel campo della stampa tridimensionale, tra i clienti di queste ditte specializzate ci sono aziende attive nell’architettura, nel settore automobilistico, nel settore medico e dentale, in quello aerospaziale e in quello dei beni culturali.

Le imprese interessate ai servizi di scansione tridimensionale

L’introduzione di servizi di questo tipo ha permesso di fare passi da gigante in un’ampia gamma di ambiti. Si pensi ad esempio alle novità portate in ortopedia: grazie alla scansione tridimensionale delle parti anatomiche dei pazienti è possibile offrire loro tutori e protesi perfettamente personalizzati, oltre che realizzabili più velocemente ed a costi inferiori.

Ma come esempio si può parlare anche del settore automotive, dove il 3D ha portato diversi vantaggi. Tra questi si possono menzionare l’abbattimento dei costi, la riduzione del numero di parti da combinare e degli scarti, la realizzazione di componenti complesse ma leggere, l’elevato grado di personalizzazione degli elementi di design, la replicabilità delle parti. Inoltre, grazie alla scansione tridimensionale, abbinata alla produzione additiva, è possibile creare parti di ricambio che non si trovano più sul mercato.

In campo culturale ed artistico le applicazioni possono essere tantissime. È possibile creare dei musei tridimensionali, con i visitatori che, senza muoversi da casa, possono ammirare i quadri e le sculture in tutto il loro splendore, anche se virtuale. Oppure si può ricorrere alla scansione 3D anche quando si deve effettuare il restauro di un’opera d’arte che richiede cure particolari.