SANT’ANTIMO. Esplode negozio in centro. L’ombra del racket della camorra

SANT’ANTIMO – Un boato fortissimo nel cuore della notte ha svegliato i residenti di  Sant’antimo, in via Trieste e Trento.

Si tratterebbe di un ordigno artigianale fatto esplodere contro una macelleria, la cui serranda è stata pesantemente danneggiata. Solo la sorte ha voluto che in quel momento non passasse nessuno.

Molto probabilmente l’episodio è riconducibile al racket del clan locale nei confronti degli esercizi commerciali. Un episodio simile è avvenuto verso la metà di aprile ai danni di un negozio di oggettistica appartenente ad una persona legata al clan Ranucci. Sul caso indagano i militari dell’arma

Immagine di repertorio