Arrestato il figlio del boss Ranucci. Deve scontare 4 anni di carcere

Riconosciuto colpevole di concorso in tentata rapina aggravata dall’uso delle armi

Aversa / Sant’Antimo – Nel comune di Sant’Antimo, i militari della locale Tenenza hanno tratto in arresto Domenico Ranucci, alias “lilli”, nato ad Aversa, 31enne, residente a Sant’Antimo.

Si tratta del figlio di Stefano Ranucci, alias “chiacchione”, 50enne, attualmente recluso in regime di 41 bis O.P. per il reato di cui all’art. 416 bis, elemento apicale dell’omonimo clan egemone su quel territorio.

Sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa, è stato eseguito un ordine di carcerazione emesso in data 29.05.2019 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, dovendo espiare la pena residua di quattro anni, quattro mesi e due giorni di reclusione.

E’ stato riconosciuto colpevole di concorso in tentata rapina aggravata dall’uso delle armi commessa in Giugliano in Campania (NA) il 04.02.2012.