San Tammaro: sequestrata azienda bufalina per smaltimento illecito dei rifiuti

L’operazione e’ stata pianificata con il coordinamento della Prefettura di Napoli con la Prefettura di Caserta

Immagine di repertorio

E’ stata effettuata nei Comuni di Giugliano in Campania (Na) e San Tammaro (Ce), un’operazione di controllo straordinario interforze contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti industriali, artigianali e commerciali.

Sono entrati in azione 34 equipaggi per un totale di 84 unita’ interforze, nelle localita’ e nei siti in cui abitualmente vengono abbandonati e quindi conferiti in modo illecito i rifiuti sul territorio, controllando 12 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 4 sequestrate, 56 persone identificate, di cui 6 denunciate tra lavoratori irregolari rei di illeciti ambientali, 5 persone sanzionate, 30 veicoli controllati, circa 15.560 mq di aree sequestrate, circa 300 mc di rifiuti speciali pericolosi e non sequestrati, 33.431,67 euro di sanzioni comminate. In particolare è stato accertato un rilevante scarico di acque di pulitura non filtrate, provenienti da un’azienda bufalina con più di 500 capi, nei Regi Lagni.

L’azienda è stata sottoposta a sequestro, contestualmente ad una carrozzeria priva di qualsivoglia autorizzazione. Gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti delle lavorazioni i reati contestati.

L’operazione e’ stata pianificata con il coordinamento della Prefettura di Napoli con la Prefettura di Caserta, le due questure e con le altre Forze di Polizia delle provincie, in base alla programmazione proposta dall’incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della Cabina di regia “Terra dei Fuochi”.