Rapina a San Tammaro. Arrestato 42enne. IL NOME

Imbracciava un fucile a canna mozzata con matricola abrasa

San Tammaro / Portico di Caserta – Durante la serata di ieri il personale del Commissariato di Santa Maria Capua Vetere e dei Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere ha tratto in arresto Giovanni Iodice 42 anni di ortico di Caserta.

L’uomo, nullafacente con numerosi pregiudizi per furto, rapina aggravata, reati in materia di stupefacenti, si è reso responsabile del reato di tentata rapina -all’interno di un a cartoleria sita in San Tammaro– detenzione e porto in luogo pubblico di un fucile a canna mozzata con matricola abrasa ed ancora di illecita detenzione di cartucce per arma da fuoco da guerra.

Il malvivente alle ore 20,00 circa di ieri, faceva irruzione in una cartoleria sita in San Tammaro, imbracciando l’arma sopra descritta, ma veniva bloccato e tratto in arresto da un militare dell’Arma dei Carabinieri, libero dal servizio, che si avvaleva poi anche dell’operato di personale di questo Commissariato immediatamente intervenuto in ausilio.

Tali ultimi operatori davano quindi corso all’immediata attività investigativa -esperita anche con gli agenti del Commissariato di Marcianise- che consentiva di trarre in arresto il cennato Iodice anche per il reato di illecita detenzione di numerose cartucce per arma da guerra, di micidiale capacità offensiva, che il medesimo deteneva presso la propria abitazione unitamente ad una pistola cd. scacciacani che non si esclude possa essere stata utilizzata in pregressi episodi delittuosi.

Appare opportuno evidenziare la professionalità del militare dell’Arma dei Carabinieri intervenuto ed il consolidato sinergico spirito di collaborazione del personale del Commissariato di Santa Maria Capua Vetere e di quello dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere.