Rapina a Frattamaggiore. Il ladro ucciso non ha sparato

Questi i dati iniziali delle perizie

FRATTAMAGGIORE – Giungono i primi dati delle perizie effettuate dagli inquirenti sulla rapina a Frattamaggiore, durante la quale ha perso la vita il rapinatore, Raffaele Ottaiano.

Secondo i primi dati, durante la rapina del 10 febbraio, il ladro 26enne non avrebbe aperto il fuoco. La ricostruzione è ancora parziale, ma sarebbero questi i risultati iniziali delle perizie attualmente in corso.

Durante quel fatidico pomeriggio, il gioielliere, Luigi Corcione, ha sparato almeno un colpo, risultato fatale per Raffaele Ottaiano. L’uomo è indagato con l’ipotesi di accusa per omicidio colposo ed eccesso di legittima difesa.

Il suo legale, l’avvocato Luigi Ferrante, riferì che la reazione del suo cliente era stata causata dalla situazione di pericolo imminente e concreto davanti alla quale il gioielliere si è trovato.