Arrestati gli autori di una violenta rapina in hotel. Bloccati dai carabinieri

A seguito dell’intervento tempestivo di una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri della compagnia di Casoria, uno dei rapinatori veniva arrestato in flagranza di reato

Immagine di repertorio a scopo illustrativo

Sant’Arpino – I carabinieri del nucleo investigativo di Aversa hanno dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli Nord, di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di due persone, rispettivamente di 42 e 20 anni, entrambi residenti a Napoli, per rapina aggravata, lesioni personali aggravate e ricettazione commessi in concorso.

Le indagini, supportate da attività di intercettazioni ambientali e telefoniche, hanno consentito di ricostruire un grave quadro indiziario a carico degli indagati che, secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal gip, il 13 ottobre 2018 si sono resi responsabili di una rapina aggravata, consumata all’interno di un albergo nel comune di Casoria unitamente ad altro complice già tratto in arresto.

In particolare, gli autori della rapina, a bordo di un una Fiat 500 rubata pochi giorni prima a Sant’Arpino, con volto travisato da passamontagna si introducevano, di notte, all’interno della struttura ricettiva perpetrando una rapina ai danni dell’addetto alla reception (il quale minacciato di morte e ripetutamente colpito al volto con violenti pugni e schaffi, riportava gravi lesioni personali) riuscendo pertanto ad asportare l’intero incasso della giornata.

A seguito dell’intervento tempestivo di una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri della compagnia di Casoria, uno dei rapinatori veniva arrestato in flagranza di reato, mentre i suoi due complici riuscivano a dileguarsi.