MARCIANISE – Lo scorso 26 settembre 2014 venne messa a segno una rapina milionaria, circa 15 milioni, al centro orafo Tarì di Marcianise.

Dopo le indagini serrate degli inquirenti, si riuscì a risalire ai responsabili, Francesco Petruolo di Marcianise, e Gennaro Abbate, proprietario del camion con il quale fu realizzato il colpo.

Oggi la procura chiede ben 20 anni di carcere, precisamente 12 anni di reclusione per Francesco Petruolo e 8 anni per Gennaro Abbate. I responsabili furono trovati dopo l’assalto armato, perchè uno dei rapinatori gettò il cellulare utilizzato durante il colpo, all’interno di un tombino, trovato poi dai carabinieri.