Massacrata di botte per fare le faccende domestiche. Arrestata intera famiglia

I Carabinieri eseguono occ della Procura di Napoli Nord per maltrattamenti di madre e fratello nei confronti della sorella davanti al padre inerte Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord

QUALIANO –  I Carabinieri della Compagnia di Giugliano in Campania hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti di una 46enne e del figlio 22enne nonché ad un’ordinanza della misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del marito della donna, 50enne, tutti residenti a Qualiano.

Le indagini, condotte dalla Stazione Carabinieri di Qualiano, sono scaturite dalla denuncia sporta dalla figlia e sorella degli arrestati che, dopo essersi allontanata da casa per rifugiarsi in un centro antiviolenza, ha ricostruito il tormentato rapporto di convivenza vissuto in famiglia.

Ha riferito, in particolare, di essere sottoposta a maltrattamenti fisici e psicologici da parte della madre consistiti in offese, insulti e minacce nonché gravi violenze fisiche perché provvedesse a sbrigare le faccende domestiche. Ha raccontato, inoltre, di essere stata costretta a lasciare gli studi e che, talvolta, non le veniva neppure consentito di far rientro a casa, rimanendo quindi senza cibo e obbligata a pernottare all’aperto.

Le stesse violenze erano state perpetrate nei suoi confronti dal fratello maggiore che, in un caso, l’aveva scaraventata dalle scale.

Le vessazioni erano avvenute anche  in presenza del padre che non interveniva davanti a tali comportamenti.

Il racconto della ragazza ha trovato riscontro anche negli elementi forniti da persone informate sui fatti nonché nelle conseguenze psicologiche da lei accusate e nei referti medici acquisiti.