Protesta all’Asl di Caserta. “Se arriva il licenziamento 400 dipendenti entreranno in sciopero”

CASERTA – Si è svolta questa mattina la manifestazione di protesta da parte dei dipendenti dell’indotto del settore pulizie dell’Asl di Caserta.

Al centro della discussione i licenziamenti di massa previsti a causa di un presunto esubero nelle aziende vincitrici degli appalti.

L’azienda avrebbe offerto di mantenere il posto di lavoro, ma con la probabilità di un trasferimento in altre zone d’Italia, come soluzione alternativa, ma il dialogo si presenta ancora lungo su questo fronte.

I sindacati, dal canto loro, promettono battaglia. Se dovesse arrivare anche un solo licenziamento, minacciano uno sciopero dell’intero settore, che conta circa 400 dipendenti. Al momento l’incontro di oggi si è concluso con una promessa da parte dell’Asl di contattare l’azienda e mediare una possibile soluzione.