Il proprietario va in vacanza sul litorale Domitio e i ladri svaligiano casa. Tre arresti

REGIONALE – Hanno approfittato della momentanea assenza del proprietario, in vacanza sul litorale Domitio, per introdursi nella sua abitazione e svaligiarla.

La tempestiva segnalazione alla Polizia di Stato, giunta sull’utenza di emergenza 113, ha consentito di arrestare in flagrante 3 pregiudicati, perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di tentato furto aggravato. Gli agenti della sezione “Volanti” dell’U.P.G., in collaborazione con gli agenti delle “Volanti” dei Commissariati di Polizia “Scampia” e “S. Carlo Arena”, sono intervenuti, poco dopo le 4,30 di stamane, in un’abitazione posta al piano ammezzato in Via Provinciale di Caserta.

L’abitazione segnalata, effettivamente, presentava chiari segni di forzatura sulle persiane in ferro, pur risultando apparentemente chiusa. Tentando di aprire la persiana, i poliziotti hanno notato che pure gli infissi interni apparivano manomessi ed aperti. Uno degli agenti, nel tentativo di entrare da quella finestra, aveva modo di notare la sagoma di un uomo che, accovacciato, tentava di raggiungere un’altra stanza dell’appartamento. A tal punto, avendo avuto la certezza che i ladri fossero ancora nell’abitazione, i poliziotti hanno presidiato tutte le possibili uscite bloccando così Salvatore Murolo, di 35 anni, mentre tentava di scavalcare la finestra del bagno.

Successivamente, è stato bloccato Pasquale Cannavale, di 40anni che, vanamente tentava di fuggire dalla finestra della camera da letto. Entrati nell’abitazione, i poliziotti hanno bloccato il terzo complice : Eduardo Ricci, di 30 anni che, pur di sfuggire all’arresto, come ultimo espediente, si era nascosto dietro la porta del bagno. Gli agenti hanno accertato che la camera da letto era stata messa a soqquadro rinvenendo, nel corridoio, un borsello in stoffa contenente la somma di circa 200€, suddivisa in banconote e monete. Sequestrata una barra in ferro, utilizzata per forzare le persiane e gli infissi nonché, indosso a Murolo e Ricci, due paia di guanti in tessuto elasticizzato.

I tre, tutti con precedenti penali specifici per tale tipologia di reato, sono stati arrestati. Processati con rito per direttissima, stamane, oltre al pagamento delle spese processuali, sono stati condannati: Salvatore Murolo alla pena di 2 anni e 9 mesi, oltre al pagamento di €.618,00 di multa; Pasquale Cannavale alla pena di 2 anni e 8 mesi, oltre al pagamento di €.618,00 di multa; Eduardo Ricci alla pena di 1 anno e 9 mesi, oltre al pagamento di €.412,00 di multa. I tre arrestati beneficeranno degli arresti domiciliari.