17enne in coma dopo rissa. Assolti padre e figlio. Il Pm fa ricorso

In caso di accoglimento dell'istanza del pm da parte dei giudici, potrebbe svolgersi un nuovo processo

Caserta / Marcianise – I giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere hanno assolto il 45enne parcheggiatore abusivo di Caserta Giuseppe Rinaldi ed il figlio 20enne Gianfranco dall’accusa di tentato omicidio ai danni di Fabio B., 17enne di Marcianise.

Il giovane finì in coma dopo essere stato investito dopo una violenta lite conclusasi con un inseguimento partito da piazza Dante a Caserta e terminato in via Retella a Capodrise.

Il pubblico ministero, però, ha presentato ricorso contro l’assoluzione presso la Corte di Appello di Napoli.

In caso di accoglimento dell’istanza del pm da parte dei giudici, potrebbe svolgersi un nuovo processo.