Processo Medici Ospedale di Sessa. La Cassazione esclude ipotesi di associazione a delinquere

La Cassazione esclude, quindi, il reato di associazione

Immagine di repertorio

Sessa Aurunca – La Cassazione ha rigettato il ricorso del Pubblico Ministero, validando il giudizio del Tribunale del Riesame di Napoli che aveva ritenuto infondato il reato di associazione a delinquere per i medici dell’Ospedale di Sessa Aurunca.

Venerdì 12 luglio 2019, la seconda sezione della Suprema Corte di Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dal Pubblico Ministero Ida Capone.

Il ricorso faceva riferimento all’ordinanza del 19 aprile scorso del Tribunale delle Libertà di Napoli che aveva escluso l’ipotesi di reato di associazione a delinquere per i dirigenti medici Nives De Francesco, Leone Rocco e Anna Maria Sorrentino, difesi dall’Avv. Luigi Imperato, e Pasquariello Ferdinando, difeso dall’Avv. Gennaro Iannotti.

Viene definitivamente escluso, quindi, il patto tra i medici ipotizzato dalla pubblica accusa finalizzato alla truffa a danno dell’Asl e dell’azienda ospedaliera.