Falsa mozzarella di bufala. Chiesti 54 anni di carcere per 12 imputati

Il processo riprenderà nel mese di luglio

San Cipriano d’Aversa / Sparanise – Sono 12 gli imputati coinvolti nell’inchiesta dei carabinieri sul caseificio Cantile di Sparanise.

Molto pesanti le condanne chieste dal pm Pannone del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Per Guido Cantile, imprenditore di San Cipriano d’Aversa il pubblico ministero ha chiesto 8 anni di reclusione 6 anni, invece, per i rispettivi figli Pasquale e Luigiantonio Cantile, 5 anni e mezzo per Luigi Bacco e Giuseppe Genovese.

4 anni e mezzo chiesti per Paola Mormile, Assunta Di Caprio, Elena Micillo, Antonio Di Feo, Amedeo Fasulo, Agostino Verde e Luigi Cammisa.

Dalle indagini è emerso che dal 2011 al 2013 nel caseificio veniva usato latte vaccino con cagliate importate dall’estero spacciandolo per mozzarella di bufala con il marchio DOP.