Portico di Caserta – La Polizia Locale di Portico di Caserta ha intensificato le attività di controllo e monitoraggio del territorio finalizzate a reprimere e contrastare il delicato fenomeno che affligge le zone a ridosso di Napoli Nord e Caserta, ormai conosciuta come la Terra dei Fuochi.

Gli agenti hanno ispezionato e controllato due attività, ubicate in due capannoni industriali di grandi dimensioni attigui. Dagli accertamenti una attività è risultata essere dedita alla lavorazione dell’alluminio e derivati, l’altra ditta adibita ad officina meccanica.

Entrambi le attività ubicate in capannoni di grandi dimensioni, poste fuori dal centro abitato, operavano in dispregio alle normative vigenti in materia ambientale descritte nel d.lgs. 152 del 2006 e prive di tutte le autorizzazioni occorrenti: emissione in atmosfera, scarico delle acque reflue, registri di carico e scarico e formulari dai quali si evince il destino finale dei rifiuti.

All’interno di un capannone dell’attività di officina meccanica erano presenti numerosi veicoli ed attrezzature necessarie per l’attività ed accessori, mentre nell’altro capannone erano presenti macchinari per l’attività della lavorazione dell’alluminio oltre a svariati accessori. Dopo gli accertamenti di rito la Polizia Locale ha posto sotto sequestro di polizia giudiziaria le attività. I titolari sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria.