Pensionato ucciso a pugni a Gaeta: arrestato 48enne Casertano

Il 48enne, già con precedenti penali ed affetto da disturbi psichici, è stato trasferito nel carcere di Frosinone

Immagine di repertorio

Tratto in arresto per omicidio preterintenzionale Benedetto Montaquila, 48 anni originario di Teano.

Secondo le indagini l’uomo, nella giornata di domenica, ha massacrato di botte un pensionato a Gaeta, morto nelle scorse ore per le percosse subite.

Il 48enne, come riportato da Caserta News, mentre stava passeggiando per le strade della cittadina del basso Lazio ha preso a pugni Alessandro Gallinaro, 77 anni di Gaeta. Il pensionato era seduto su una panchina in attesa della moglie che era in chiesa. Dopo l’aggressione è stato lo stesso Montaquila a chiamare la polizia. La segnalazione, però, riguardava un uomo che si stava denudando in strada davanti a dei bambini.

Gli agenti, invece, hanno rinvenuto l’uomo aggredito con il volto tumefatto e privo di sensi. Trasportato in ospedale, è deceduto 2 giorni dopo.

Le indagini, coordinate dal pm Emanuele De Franco della Procura di Cassino, hanno permesso di ricostruire l’accaduto e rintracciare il presunto autore dell’aggressione. Il 48enne, già con precedenti penali ed affetto da disturbi psichici, è stato trasferito nel carcere di Frosinone.