Pazienti maltrattati all’OPG di Aversa. Chiesti 35 anni di carcere per 16 imputati

Le richieste di condanna da parte del PM

Immagine di repertorio

AVERSA – Si è conclusa la requisitoria del Pubblico Ministero, dinanzi al Giudice dott. Orazio Rossi del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, a carico di 16 persone tra medici psichiatri e medici di guardia dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario (OPG) di Aversa.

La dott. ssa Ida Capone, ha chiesto 2 anni e 2 mesi di carcere per ciascuno degli imputati, senza la sospensione condizionale della pena.

Tra i medici l’ex Direttore Sanitario il dott. Adolfo Ferraro, difeso dall’avv. Domenico Ciruzzi. Imputati anche il dott. Cristofaro Diana (difeso dall’avv. Salvatore Vitiello) e il dott. Francesco Pisauro (difeso dall’avv. Raffaele Crisileo e dall’avv. Gaetano Crisileo).
Oltre a Ferraro, Diana Cristofaro e Pisauro sono imputati i medici Nugnes, Borrelli, Andriani, Iaccarino, Principe, Pommella, Signoriello, Vassallo, Di Tommaso, Ruocco, Petrosino, Cristiano, Zagaria, Cappiello. Sono accusati tutti dei reati di maltrattamenti e di sequestro di persona ai danni di 27 ex internati nella struttura.

I fatti contestati risalgono al periodo 2006-2011. Secondo il Pubblico Ministero le vittime, alcune costituite parti civili, sarebbero state costrette a restare a letto per un periodo superiore a quello consentito e qualcuno sarebbe addirittura rimasto fermo nel letto per diversi giorni senza che alcuno si prendesse cura di loro.

Questa richiesta di condanna è stata basata su testimonianze acquisite, su consulenze tecniche e prove documentali e parti’ da una interrogazione parlamentare del senatore Ignazio Marino cui segui una ispezione ministeriale e poi una inchiesta giudiziaria.
Per i primi di gennaio del prossimo anni ci sarà l’inizio delle arringhe dei difensori. Nel collegio difensivo anche l’avv. Luigi Ciocio e l’avv. Alessandro Motta.