PARETE – Il Gip Saladino del tribunale Napoli Nord ad Aversa ha emesso la sentenza contro i membri dell’organizzazione dedita alle truffe online.

I capi dell’associazione, attiva a Parete, come ricostruito dalle indagini dei carabinieri erano Gilda Ucciero e Raffaele Pezone, marito e moglie, condannati a 4 anni e 4 mesi e a 3 anni di reclusione.

Insieme con loro sono stati condannati anche Lorenzo Improta e Salvatore Ferrara (2 anni e 4 mesi); Tommaso Visconti (2anni); Davide Zoppo (1 anno e 8 mesi); Francesco Formisano (1 anno e 6 mesi); Francesco Santini (1 anno e 4 mesi); Monia Ferrara (7 mesi); Agostino Iavarone (6 mesi) e Marcello Moccia (4 mesi).

Le vittime dei raggiri, dopo aver pubblicato sui vari siti di annunci, diverse inserzioni, venivano contattati dai truffatori i quali, fingendosi avvocati chiedevano il pagamento di grosse cifre in denaro su carte poste pay.