Home Cronaca Parete. Furti d’auto e assalti alle case, 2 arresti

Parete. Furti d’auto e assalti alle case, 2 arresti

Accertati tre furti in abitazione e due furti d'auto. Si cerca il terzo complice

Parete – Nella mattinata di ieri. 8.6.2020, a Parete (CE) e presso la Casa Circondariale di Carinola (CE), i Carabinieri della Stazione di Macerata Campania (CE) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dal G,I,P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura, nei confronti di due persone.

Si tratta dei cittadini albanesi XHETA Pjeter (46 anni) e GOXHI Mikel (31 anni) ritenuti responsabili, a vario titolo, in concorso con altra persona irreperibile, di furti di autovetture e presso abitazioni private (arti. I/O, 624, artt. 110, 624 bis).

Il provvedimento cautelare recepisce l’esito di un’articolata attività investigativa, diretta dalla Procura e condotta dal citato Reparto dell’Arma dal febbraio al luglio 2019, indagine esperita attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali, servizi di osservazione, analisi di documenti nonché attività di riscontro.

Le indagini hanno consentito di accertare la realizzazione – da parte degli indagati – di tre furti in abitazione e due furti – di cui uno tentato – di altrettante autovetture; reati commessi nei comuni casertani di Baia e Latina, Pietravairano, Aversa nonché nella città di Benevento.

In particolare emergeva che gli indagali s’introducevano nelle private abitazioni impossessandosi di denaro contante, monili ed orologi, cagionando alle persone offese rilevanti danni patrimoniali.

Attraverso le intercettazioni è stato possibile decifrare l’esatto significato dei dialoghi, decriptando i modi comunicativi di “copertura” (ad es. “giocare a pallone”), terminologia che non trovava giustificazione con gli orari e le reali occupazioni degli indagati.

Il G.I.P., condividendo la richiesta avanzata dalla Procura – sia in relazione ai gravi indizi di colpevolezza, che alle esigenze cautelari – disponeva per gli indagati la misura della custodia cautelare in carcere.