Operaio 56enne morto folgorato. Tragedia in un cantiere ferroviario

Stava lavorando per delle operazioni di manutenzione lungo la tratta ferroviaria

NAPOLI – Tragedia sul lavoro ieri notte per la morte di un operaio, ucciso da una violenta scarica elettrica mentre lavorava in un cantiere ferroviario, per la manutenzione della linea elettrica nei pressi di ‘bivio Navile’, alla periferia di Bologna.

La vittima aveva 56 anni, originario di Napoli e lavorava per una ditta appaltatrice, la ‘Sifel’.

L’incidente è avvenuto intorno all’1.40 del mattino. Da una prima ricostruzione dei fatti l’uomo sarebbe stato folgorato da una forte scarica, per dinamiche ancora in fase di accertamento.

La polizia ferroviaria ha avviato un’inchiesta, parallelamente ad un’altra indagine interna da parte delle Ferrovie.

La Procura di Bologna aprirà un fascicolo per omicidio colposo sulla morte dell’operaio ed ha disposto il sequestro del cantiere.