Omicidio Ruggiero. Il padre: “bisogna trovare anche i complici”

Le indagini sono ancora in corso

PARETE – Tra pochi giorni, l’11 luglio, partirà il processo a carico di Ciro Guarante, accusato dell’omicidio di Vincenzo Ruggiero.

A distanza di un anno il padre, Francesco, rompe il silenzio lanciando un appello e chiedendo a gran voce un aiuto per le indagini, sperando di fare luce su altri eventuali complici dell’omicidio.

Insieme con Guarente è indagato anche Francesco De Turris, già in carcere, il quale gli avrebbe procurato l’arma, inoltre, sembrerebbe che l’assassino voglia fare il nome di un secondo complice che avrebbe partecipato al terribile delitto, ma per il momento ancora nessuna conferma certa.

Il processo si svolgerà con rito abbreviato davanti al Gip di Napoli Nord Gabriele Finamore.