Omicidio Katia Tondi. Il marito Emilio condotto in carcere

La Procura della Repubblica ha chiesto l’applicazione di emissione di custodia cautelare ritenendo sussistere il pericolo di fuga e le esigenze probatorie

Sata Maria Capua Vetere – Nella mattinata odierna, la Polizia di Stato della Questura di Caserta ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa nella stessa mattinata dalla Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura della Repubblica, all’esito della sentenza di condanna, emessa dalla Corte di Assise nei confronti di Emilio Lavoretano, classe 1982.

Il provvedimento rappresenta l’epilogo di una complessa attività investigativa e processuale che ha consentito di pervenire all’acquisizione di un quadro probatorio inequivocabile nei confronti dell’imputato, del quale e stata affermata la personale responsabilità, in ordine al delitto di omicidio pluriaggravato, perpetrato nei confronti della moglie Katia TONDI.

Leggi:  Duplice tentato omicidio. Arrestato esponente dei Casalesi gruppo Setola

In particolare il LAVORETANO, dopo aver simulato una finta rapina in casa, allertava i soccorsi riferendo di aver trovato la moglie, riversa sul pavimento della medesima abitazione, in un lago di sangue e priva di vita.

A seguito delle immediate indagini coordinate dalla Squadra Mobile casertana, corroborate da attività tecniche d’intercettazione, escussioni di persone informate sui fatti, servizi di o.c.p. ed altro, e stata ricostruita l’intera vicenda, supportando un impianto accusatorio che ha visto nell’arrestato il responsabile del delitto e condiviso dalla Procura della Repubblica.

Leggi:  Provincia di Caserta sotto la neve. Diverse zone dell'Alto Casertano bloccate. FOTO

Tale quadro indiziario, all’esito di un lungo e articolato dibattimento, ha trovato riscontro nella sentenza di condanna sopra descritta con la quale a stata inflitta la pena della reclusione, pari a 27 anni, l’interdizione legale e la sospensione dall’esercizio della responsabilità genitoriale del condannato per l’intera durata della pena.

Dopo l’emissione della condanna, la Procura della Repubblica ha chiesto l’applicazione di emissione di custodia cautelare ritenendo sussistere il pericolo di fuga e le esigenze probatorie. Si è dato luogo all’emissione del provvedimento restrittivo reso esecutivo in data odierna.