Evade dai domiciliari per comprare droga. Assolto per mancanza di prove

Venne intercettato mentre parlava con lo spacciatore

CASTEL VOLTURNO – GRAZZANISE – Venne arrestato nel 2014 perchè, durante l’attività investigativa  finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, i carabinieri intercettarono una telefonata tra spacciatore e consumatore.

Si tratta di Nunzio Talamo, 35enne di Castel Volturno, il quale era sottoposto agli arresti domiciliari a seguito di un provvedimento emesso dal Gip del Tribunale di S.M.C.V. per altri tipi di violazioni del codice penale, gli veniva contestato il reato di cui all’art. 385 cp comma 1 e 3 perché si  allontanava arbitrariamente dalla propria abitazione al fine di effettuare un acquisto di sostanze stupefacenti.

In base agli elementi raccolti il gup del tribunale di Santa Maria C. V. rinviava a giudizio il Talamo Nunzio.

Nell’udienza del 09/02/2018 l’arrestato difeso dall’avvocato Francesca Luongo del foro di Santa Maria Capua Vetere, ottiene una piena assoluzione, in quanto il giudice Faiello ha accolto la tesi difensiva poiché non è stata raggiunta la prova della penale responsabilità dell’imputato.