Mercato dell’Auto: Usato ok nel Casertano

Il web sta trascinando al rialzo il mercato delle auto usate

CASERTA – C’era una volta (anche se non stiamo parlando di una favola…) un mondo senza Internet, senza Facebook, chat di Whatsapp, siti, dove ogni operazione era davvero più complicata. Prendete ad esempio il mercato delle auto usate. Si era costretti ad andare da un rivenditore che legittimamente si prendeva una percentuale sulla vendita mentre oggi con un annuncio gratuito in rete possiamo effettuare la nostra compravendita senza bisogno di alcun intermediario.

Sembra preistoria ed invece stiamo parlando di venti al massimo venticinque anni fa. La rete ha cambiato davvero tantissimo le nostre abitudini e ha spinto alla crescita molti settori. Per l’appunto parlavamo del mercato delle auto usate che in tutta la provincia di Caserta lo scorso anno ha fatto segnare un aumento del 5.5% con un volume di affari in totale pari a 168 milioni di euro rispetto ai 124 milioni del nuovo. La rete ha reso anche molto più concorrenziali i pezzi  di ricambio visto che siti come shopricambiauto24.it negozio online con molte offerte sempre disponibili tutto l’anno, consentono davvero di risparmiare tantissimo rispetto alle consuete officine auto.

Se dunque il web sta trascinando al rialzo il mercato delle auto usate, non si vedono ancora sul territorio molti elementi della prevista rivoluzione green, ovvero della sostituzioni dei mezzi con carburazione tradizionale (benzina, diesel) con quelli spinti da motori elettrici o ibridi. Da questo punto di vista alcuni paesi del Nord Europei sono avanti anni luce rispetto all’Italia con alcune capitali scandinave dove è già avvenuto il sorpasso di auto green circolanti rispetto alle altre.

Una rivoluzione però non si fa in una notte e per favorire la scelta green dei consumatori bisogna avere anche le infrastrutture dove poter ricaricare questi mezzi. La prima istallazione di una stazione di ricarica per auto elettriche sulle autostrade italiane è avvenuta soltanto qualche mese fa in Lombardia e già questo ci fa comprendere come tanti sono i passi ancora da fare per la diffusione delle green car in Campania.

Anche nella provincia di Caserta non abbondano certo le colonnine di rifornimento. Attualmente in città viene segnalata la presenza di due colonnine presso la sede dell’Enel in via Domenico Mondo, 21 mentre in provincia sono tre i punti di ricarica disponibile più esattamente a Recale in Piazza della Repubblica (Enel X), a Sant’Agate dei Goti in Via Pennino e a Capua in Via Appia Km 203 presso il Distributore IP – API.

In questa rivoluzione che tarda a venire, c’è chi invece guarda al passato. Proprio grazie alla rete web, si è venuta a creare una nicchia di mercato degli automobilisti interessati alle ultra ventennali, ovvero le macchine immatricolate da più di venti anni. Mezzi certamente spartani e tecnologicamente non evoluti ma che fungono da perfette auto di servizio per compiti in cui si preferisce risparmiare l’auto principale di casa. In questa nicchia non stupisce affatto il predominio assoluto della Fiat Panda ovviamente nella sua prima versione. Chissà mai se Giorgetto Giugiaro quando la disegnò nel lontano 1980 avrebbe mai pensato che la sua invenzione sarebbe stata ancora così d’attualità a distanza di quasi quarant’anni!