AVERSA – I militari del gruppo di Giugliano in Campania della Guardia di Finanza, a seguito di un’attività info-investigativa, scaturita anche dal monitoraggio di un sito internet, hanno scoperto un’ attività di produzione e commercio di botti pirotecnici (“cipolle”, “rendine”, “supecobra”), con clienti su tutto il territorio italiano.

In particolare è stato scoperto, ad Aversa, un opificio artigianale allestito per la fabbricazione illecita di prodotti pirotecnici, mentre in un’altra operazione è stato individuato a Napoli un trasporto illecito di un ingente quantitativo di fuochi d’artificio.

L’attività ha consentito il sequestro complessivo di 2.300 kg. di botti illegali, l’arresto di 2 soggetti di origini campane e la denuncia di altri 5 responsabili coinvolti a vario titolo nell’attività illegale.

I botti illegali sequestrati sono risultati altamente pericolosi in considerazione delle sostanze chimiche utilizzate per la loro fabbricazione. In un’altra operazione, i “baschi verdi” hanno sequestrato 570 candelotti esplosivi artigianali, rinvenuti all’interno di un negozio di Napoli, dedito alla vendita di materassi, la cui responsabile è arrestata in flagranza di reato. il titolare dell’esercizio, resosi irreperibile, è stato denunciato all’autorità giudiziaria.