Maxi inchiesta sui rifiuti. Decine di perquisizioni nel Casertano. Trema la politica

Le indagini degli inquirenti si stanno concentrando su presunti appalti pilotati

Immagine di repertorio

CASERTA – La Procura di Napoli insieme con la DDA di Napoli stanno indagando su appalti per centinaia di milioni, probabilmente, pilotati e sul traffico di rifiuti.

Nella giornata di ieri i carabinieri del Noe hanno eseguito decine di perquisizioni negli uffici comunali e presso gli studi di noti professionisti della Politica Casertana.

Diverse anche le società di smaltimento rifiuti sotto la lente degli investigatori, le quali avrebbero ottenuto, nel corso degli anni, proroghe su proroghe.

L’inchiesta girerebbe intorno alla figura di C. S. amministratore unico di una società che si occupa di servizi di smaltimento e trattamento di rifiuti.

Effettuate diverse perquisizioni negli uffici comunali di Caserta, Aversa, Sant’Arpino e Recale, oltre che nelle abitazioni e negli uffici di diversi amministratori e funzionari pubblici.

Il totale degli appalti finito nei controlli della Dda è di oltre 170 milioni di euro.