Maddaloni. Perseguita la ex, in carcere 33enne

Le indagini hanno consentito l'acquisizione di indizi utili a giustificare l'adozione della Custodia Cautelare in Carcere

Immagine di repertorio

Maddaloni – In data 21 febbraio u.s., a Maddaloni (CE), a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e delegate alla Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Maddaloni, è stato tratto in arresto e sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere, Antonio Savinelli, 33 anni, residente nel comune di Cervino (CE), ritenuto responsabile del reato di atti di cui all’art.612 bis c.p..

In particolare, Savinelli Antonio ha posto in essere una serie di condotte persecutorie, consistenti in appostamenti e pedinamenti, spesso culminati in ingiurie e minacce di morte nei confronti di una giovane donna, riconducibili al rifiuto di avances, da parte di quest’ultima.

In molte occasioni, l’autore delle condotte criminose, oltre a perseguitare la vittima mediante falsi profili sui social network, si presentava sotto casa della donna, per ingiuriarla, insultarla e percuoterla, anche in presenza dei figli, vittime innocenti della violenza criminale.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno consentito di accertare la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza a carico dì SAVINELLI Antonio, in merito agli atti persecutori realizzati mediante un’escalation di comportamenti minacciosi e violenti, tali da determinare nella vittima un grave stato di ansia e di paura, tanto da indurla ad abbandonare la propria abitazione, per trasferirsi altrove.

Pertanto, l’accurato coordinamento delle indagini ha consentito l’acquisizione di indizi utili a giustificare l’adozione della Custodia Cautelare in Carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. In esecuzione della misura cautelare, SAVINELLI Antonio, dopo gli adempimenti di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Caputi Vetere,