Lusciano. Arresto marito vicesindaco, Esposito: “Condanno il gesto”

L’episodio e’ avvenuto nei pressi di un cantiere a Lusciano. L’arresto dell’uomo e’ stato convalidato ed il giudice ha disposto i domiciliari

Immagine di repertorio

Lusciano – Sull’arresto per tentato omicidio di Domenico Cantone, 39 anni marito dell’attuale vicesindaco di Lusciano, Maria Consiglia Conte, è intervenuto anche il primo cittadino Nicola Esposito.

Prendiamo le distanze e condanniamo il gesto, che non ha risvolti politici – essendo una lite familiare – e non è collegato all’attività della Pubblica Amministrazione.

Ho sentito il vice sindaco Maria Consiglia Conte, che ha spiegato che il marito ha agito per legittima difesa a seguito di minacce perpetrate negli anni, ma a sua volta condanna il gesto. Si è dichiarata fiduciosa nella magistratura e ha precisato che l’arma era di ordinanza, con regolare porto d’armi poiché il marito svolge la professione di vigilantes”.

In base ad una prima ricostruzione la guardia giurata è stata arrestata dai carabinieri di Aversa con l’accusa di tentato omicidio, per aver sparato uno o più colpi di pistola al culmine di una lite con un operaio edile di 51 anni per fortuna senza colpirlo.

L’episodio e’ avvenuto nei pressi di un cantiere a Lusciano. L’arresto dell’uomo e’ stato convalidato ed il giudice ha disposto i domiciliari.