Carabiniere Luigi Capasso spara alla moglie, uccide le figlie e poi si suicida

Una strage, con l'uccisione di due bambine di 13 ed 8 anni

NAPOLI / LATINA – Purtroppo la vicenda già anticipata questa mattina, del carabinieri di 44 anni, Luigi Capasso, il quale aveva sparato alla moglie e poi si era barricato in casa con le figlie piccole, si è conclusa con un triste epilogo.

L’uomo, dopo aver sparato alla moglie, ha ucciso le due figlie di 13 e 8 anni, vittime innocenti di una follia senza senso.

Il fatto si è verificato questa mattina a Cisterna di Latina intorno alle 5 quando l’appuntato dei carabinieri, Luigi Capasso, originario di Napoli, ha ferito gravemente la moglie, Antonietta Gargiulo di 39 anni, e si è barricato in casa con le figlie con la pistola di ordinanza.

Dal 1993 al 1995 è stato in servizio presso l’8° rgt bersaglieri Brigata “Garibaldi”, Caserta.

Ha assassinato le figlie di 13 e 8 anni prima di uccidersi. La conferma è arrivata dal comandante provinciale dei Carabinieri, Gabriele Vitagliano. Nell’appartamento si trovano ora gli investigatori.