Interdittiva antimafia per la Ecocar emessa dalla Procura

CASERTA – Interdittiva antimafia per la Ecocar, emessa dalla prefettura di Roma, per l’azienda che gestisce la raccolta rifiuti a Caserta e Marcianise.

Come riportato da Il Mattino, il provvedimento giunge in quanto in Ati, cioè quando più imprese si uniscono per partecipare insieme allo stesso servizio, con la Ecocar in alcuni comuni è presente anche la Senesi di Rodolfo Briganti.

Briganti, amministratore della Senesi, finito in carcere, e poi scarcerato, con la maxi operazione della Dia sulla gestione dei rifiuti in Sicilia.

Sempre la Ecocar era già stata citata, indirettamente, nell’inchiesta che travolse l’ex vicesindaco di Caserta, Enzo Ferraro attualmente sotto processo.

Il 20 febbraio scadrà l’appalto tra la Ecocar ed il comune di Caserta per la raccolta dei rifiuti.