Inseguimento con la polizia. Nel furgone trovano 26mila euro di medicinali

CASERTA – Nella giornata di ieri, nel corso di un particolare servizio di prevenzione predisposto sull’autostrada A1 in concomitanza con gli intensi spostamenti per le vacanze estive, personale della Sottosezione Polizia Stradale di Caserta Nord unitamente ad una pattuglia del Distaccamento di Capua, intimavano l’alt ad un furgone Peugeot di colore bianco in transito al casello autostradale di Caserta Sud.

Dopo aver pagato il pedaggio, il conducente non ottemperava all’ordine intimato e si dileguava dandosi alla fuga; gli agenti della Polstrada si ponevano all’inseguimento del mezzo, che veniva raggiunto e bloccato sulla viabilità urbana, nei pressi della zona industriale di Marcianise.

Il conducente, dopo aver abbandonato il veicolo, proseguiva la fuga a piedi ma gli operatori della Polstrada, in breve ne ostacolavano il tentativo, catturandolo e identificandolo per C. S. 46enne di Napoli. Il controllo documentale, rilevava a carico dello stesso numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio; pertanto, gli agenti estendevano l’ispezione al carico del veicolo, accertando così il trasporto di 7 sacchi di plastica di colore nero, del tipo utilizzato per la raccolta rifiuti, all’interno dei quali vi erano 560 confezioni di farmaci di varia tipologia (antiaggreganti, insulinici, antiepilettici, antiipertensivi, etc.), sulla cui provenienza il 46enne napoletano non forniva alcuna indicazione. Tenuto conto che le caratteristiche di alcuni medicinali salvavita ne prevedessero la conservazione ed il trasporto in regime di temperatura controllata, valutata anche la concreta possibilità che l’efficacia terapeutica dei farmaci potesse essere compromessa dalle condizioni del viaggio svolto con un furgone privo di adeguato sistema di refrigerazione ed in una giornata dalle temperature elevate, gli uomini della Polizia Stradale procedevano al sequestro del carico, del valore stimato di € 24.000.

Attraverso ulteriori accertamenti è emerso che i medicinali erano stati trafugati presso la farmacia dell’ospedale di Mercato Saraceno in provincia di Forlì-Cesena. All’interno del vano di carico del furgone, regolarmente noleggiato a Napoli, è stata rinvenuta anche una borsa termica contenente attrezzi atti allo scasso, anch’essi sottoposti a sequestro. A conclusione degli accertamenti, il conducente del furgone veniva denunciato in stato di libertà alla competente Procura della Repubblica di S. Maria Capua Vetere per il reato di ricettazione e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Tale intervento, peraltro, ha consentito di scongiurare anche un potenziale pericolo per la salute pubblica conseguente alla possibilità che i farmaci fossero illegalmente messi in commercio o consegnati a strutture collegate alla sanità.