Infermiera killer. Uccide il padre della collega per vendetta. Fissata perizia psichiatrica

Dovrà accertare la capacità o meno di intendere e di volere

PRATELLA – Il Gup del Tribunale di Isernia Arlen Picano ha nominato il perito per la consulenza tecnica su Anna Minchella, l’infermiera 46enne di Ciorlano arrestata per l’omicidio di un anziano ricoverato all’ospedale di Venafro (Isernia).

Lo psichiatra di Benevento, Teofilo Golia, dovrà accertare la capacità o meno di intendere e di volere della donna.

La vicenda risale al 22 giugno 2016 quando l’infermiera uccise Celestino Valentino, 76enne di Pratella (Caserta), padre di una collega di lavoro.

Lo scopo dell’omicidio sarebbe stato quello di vendicarsi della donna la quale non aveva ricevuto l’ordine di trasferimento mentre la Minchella era stata trasferita all’ospedale di Isernia.

Per uccidere il 76enne la donna utilizzò una siringa a spruzzo per iniettargli nel cavo orale l’acido cloridrico. Fissata per il 7 febbraio del 2019 l’udienza per l’esame della perizia.