Maxi inchiesta nella Sanità pubblica. 33 indagati. Macchinari venduti al 300% del valore

Indagini su 29 persone e 4 società

NAPOLI / CASERTA – La Guardia di Finanza di Napoli ha notificato tra ieri e oggi 33 avvisi di conclusione indagini a 29 persone e 4 società coinvolte nell’indagine della Procura della Repubblica di Napoli.

L’inchiesta sta cercando di fare luce su un presunto sistema di corruzione nella sanità napoletana e non solo che ruota intorno a quattro aziende riconducibili ad alcuni componenti della famiglia dell’Accio.

Coinvolta anche una dirigente dell’Asl Napoli 1 Centrol’ex direttore generale dell’ospedale di Caserta.

Sono 22 le procedure di affidamento di forniture che vengono contestate a vario titolo nell’avviso di conclusione indagini a firma del sostituto procuratore Valter Brunetti.