Precipita da 15 metri di altezza: operaio morto a Carinaro

Purtroppo è deceduto a seguito delle gravi ferite riportate. L'area ed il mezzo meccanico sono stati posti sotto sequestro come da prassi

Immagine di repertorio

Un operaio di 56 anni, Biagio Mormile, originario di Crispano è morto dopo essere precipitato da circa 15 metri di altezza.

L’incidente è avvenuto sul luogo di lavoro nella zona industriale di Carinaro. Sul posto sono intervenuti i medici del 118 e gli agenti del Commissariato di Polizia di Aversa.

Da una prima ricostruzione dei fatti l’operaio stava tinteggiando la facciata di un capannone a bordo di un mezzo a quattro ruote con un braccio meccanico ed un cestello.

Per cause e dinamiche in corso di accertamento il mezzo si sarebbe capovolto. L’uomo è stato soccorso dalle persone presenti e poi trasportato all’ospedale di Caserta in condizioni gravissime.

Purtroppo è deceduto a seguito delle gravi ferite riportate. L’area ed il mezzo meccanico sono stati posti sotto sequestro come da prassi.

Commentano così la tragedia Matteo Coppola, Segretario Generale CGIL Caserta, e Irene Velotti, Segretaria Generale FILLEA CGIL:

“Biagio Mornile era un marito, un padre, un lavoratore, un nostro iscritto che non potrà tornare dalla moglie e dai suoi tre figli perché il 18 febbraio è rimasto ucciso mentre svolgeva il suo lavoro – dichiarano – Si trovava su una piattaforma a più di dieci metri a svolgere una mansione che il suo livello di inquadramento non prevedeva. Chi l’ha mandato lì?”. “Quanto accaduto giovedì a Carinaro è l’ennesima impietosa dimostrazione di quanto ci sia bisogno nella nostra provincia di una maggiore, reale, attenzione ai temi della sicurezza sul lavoro anche e soprattutto nel settore dell’edilizia, tra i più colpiti da quella che è ormai una vera e propria strage che continua da anni”. PUBBLICITÀ “È imperativo – continuano Velotti e Coppola – che le istituzioni e le aziende diano immediata attuazione ai protocolli sulla sicurezza. La nostra provincia continua ad avere tra i più alti tassi di incidenti mortali, anche in un periodo già segnato da una pandemia che ha tra le sue vittime decine di lavoratori ammalatisi sul luogo sul lavoro. Tutto ciò non è accettabile. È giunto il momento di una assunzione di responsabilità di tutte le istituzione e le associazioni datoriali per la verifica delle condizioni di sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori, lo si deve a Biagio e a tutti i morti sul lavoro”. “La Cgil si stringe intorno alla famiglia Mornile e alla moglie e ai figli fornirà tutta l’assistenza necessaria”. “Ci auguriamo – concludono i dirigenti sindacali – che per il nuovo governo la sicurezza e la qualità del lavoro, in edilizia e in tutti i settori, saranno centrali. Solo questa potrà essere la chiave di uno sviluppo basato sui diritti e la tutela dei lavoratori”.