Tragedia in autostrada. Morti padre e figlio di 9 anni. Arrestato conducente camion

ALIFE / CAIAZZO – La polizia stradale ha tratto in arresto l’autista 49enne di nazionalità Bulgara che stamattina sull’A1 all’altezza di Orvieto ha provocato un incidente che ha causato la morte di due persone.

Le vittime sono Michele Melillo, 33 anni, ed il figlio Marcello di 9 anni, mentre la moglie, Esther, è rimasta ferita ed è stata portata in ospedale in codice giallo. La donna non è in pericolo di vita ed è stata giudicata guaribile in 60 giorni.

Da una prima ricostruzione dei fatti il primo a sbandare sarebbe stato il camion, il quale si è schiantato contro il guard rail, a seguire sarebbe sopraggiunta l’auto con a bordo la famiglia Casertana, distrutta da un incendio divampato a seguito dell’impatto.

L’accusa nei confronti del 49enne autista del camion è di omicidio colposo plurimo ed è stato condotto in carcere. Sono stati eseguiti i test alcolimici ed antidroga in attesa di una risposta.

La famiglia Melillo, originaria di Totari, nel comune di Alife, da qualche tempo viveva a Caiazzo. Sotto choc amici e parenti per questa tragedia.