Sotto processo il comandante Casertano per la morte di 4 militari nel disastro aereo

Sono accusati di omicidio colposo e disastro aviatorio colposo

Immagine di repertorio

Caserta – Il gup del tribunale di Ascoli Rita De Angelis ha rinviato a giudizio Bruno Di Tora, 47enne di Caserta all’epoca comandante del 154/o Gruppo.

Si tratta del militare a cui era affidata la responsabilità della pianificazione dell’esercitazione in cui persero la vita 4 persone.

In quella occasione, il 19 agosto del 2014 ad Ascoli Piceno, avvenne un incidente aereo durante il quale si scontrarono due velivoli militari, modello Tornando, in cui morirono i capitani Mariangela Valentini, Alessandro Dotto, Giuseppe Palminteri e Paolo Piero Franzese.

Indagato anche Fabio Saccottelli, 43 anni di Verbania, capo cellula della pianificazione area target della stessa esercitazione.

Sono accusati di omicidio colposo e disastro aviatorio colposo. Il processo inizierà il 28 ottobre: il procuratore di Ascoli Umberto Monti contesta negligenze nella pianificazione della missione verso gli equipaggi Freccia 11 e Freccia 21 partiti dalla base bresciana e scontratisi sopra Venarotta poco dopo le ore 14. I familiari si sono sono costituiti parte civile.