Sorpreso ad incendiare rifiuti pericolosi. Arrestato dai carabinieri. FOTO

Aveva dato alle fiamme rifiuti speciali anche pericolosi, costituiti prevalentemente da imballaggi in plastica e metallo contenenti solventi e vernici

SAN NICOLA LA STRADA – I Carabinieri del N.O.E. di Caserta nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto degli illeciti ambientali, alla salvaguardia dell’ambiente e alla prevenzione dei roghi tossici, hanno posto in essere una serie di attività preventive e repressive  sul territorio.

Nel comune di San Nicola la Strada in via Vincenzo Monti, area compresa nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”, individuavano il luogo di origine di una densa coltre di fumo nero in un’area recintata, risultata essere la sede operativa di una società specializzata nel settore dell’installazione e manutenzione di macchinari per cantieri edili.

Sul posto, i militari accertavano l’illecita combustione in atto di circa 2 mc. di rifiuti speciali anche pericolosi, costituiti prevalentemente da imballaggi in plastica e metallo contenenti solventi e vernici, ingombranti in legno ed altri rifiuti plastici che sprigionavano in aria denso fumo nero, rendendola praticamente irrespirabile in un raggio di decine di metri.

L’immediato intervento dei militari del N.O.E., permetteva di domare le fiamme mediante gli impianti antincendio della ditta ed individuare il materiale autore del rogo doloso, identificato in uno degli operai della società.

L’uomo veniva tratto in arresto per il reato p.p dall’art. 256 bis del Testo Unico Ambientale e sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa di essere processato con rito direttissimo presso il Tribunale di Santa Maria C.V., mentre l’area e i rifiuti combusti venivano sottoposti a sequestro.

Essendo state rilevate responsabilità omissive per difetto di vigilanza in capo al legale rappresentante della ditta, anch’egli è stato deferito in stato di libertà alla competente A.G..